Articoli e Curiosità Archivi – Agriturismi.it

Archive for the ‘Articoli e Curiosità’ Category

L’ingresso del Museo Ferrari

Oggi vi portiamo nella bella città di Maranello, un nome che in tutto il mondo viene accostato ad uno dei simboli del genio e del lusso italiano: la Ferrari.

In città, è possibile visitare il Museo Ferrari di Maranello, che ha cominciato la sua attività nel 1990, potrete fare un viaggio alla scoperta della nascita del marchio Ferrari fino alle supercar dei giorni nostri. Dalla Formula 1, i vari Campionati del Mondo, dai prototipi fino alle vetture da strada, il Museo Ferrari non mancherà di stupirvi e farvi vivere il sogno Ferrari.

Alcune monoposto da formula 1 esposte

Nel museo potrete guidare virtualmente uno dei bolidi rossi in uno dei simulatori semi professionali della Formula 1, sono presenti due monoposto attrezzate per la guida e la simulazione di un gran premio.

Vetture incredibili come la nuova “La Ferrari”, la mitica 250 GTO, la 288 GTO, F40, F50 e la Ferrari Enzo vi attendono.

Una delle sale del museo

Non potrete non comprare un ricordo nel fornitissimo FerrariStore, dai vestiti fino gadget più vari, oppure fare un tour guidato in navetta all’interno della Pista di Fiorano e lungo il viale Enzo Ferrari situato all’interno del perimetro della fabbrica.

Potete trovare tutte le informazioni sull’orario di apertura e sul costo dei biglietti sul sito:
https://www.ferrari.com/it-IT/museums/ferrari-maranello

Il meraviglioso panorama che si può godere dalla Valle Cervo

La frazione o località di Roreto sorge a 842 metri sul livello del mare e fa parte del comune di Quittengo in Valle Cervo. Ci troviamo a pochi chilometri dal centro storico di Biella, una bella città ai piedi delle Prealpi Biellesi, luogo di grande bellezza naturalistica e capitale della lana. Per raggiungere Roreto, è sufficiente seguire le indicazioni per Andorno e poi per Piedicavallo/Rosazza e prendere una deviazione sulla destra. La strada tortuosa ma curata ci porterà in breve tempo in questo angolo in cui il tempo sembra essersi fermato.

Scorcio suggestivo nel vecchio borgo di Roreto

Il borgo di Roreto è un insieme di case in pietra che risalgono al 1500, una volta questi villaggi di pietra arrampicati sulla montagna erano molto abitati, la Valle Cervo infatti era molto attiva per le cave di pietra locale, per la produzione di formaggi e per le vicine fabbriche tessili. Il paesaggio da questi luoghi spazia per decine di km verso la pianura. Vi consigliamo i nostri agriturismi nel Biellese per scoprire le meraviglie di questo territorio così ricco di storia, gastronomia e tradizioni.

Il paesaggio di Nebida

Oggi vi portiamo alla scoperta di un luogo davvero suggestivo che regala tramonti mozzafiato sul Mare Mediterraneo. Per raggiungere il Pan di Zucchero, bisogna raggiungere Iglesias dalla SS130, poi bisogna prendere la Strada Statale 126 verso Sant’Antioco e girare al bivio verso Nebida, arriverete quindi a Masua dove c’è una piccola ma suggestiva spiaggia a ridosso di un antico complesso minerario da lì, in poco tempo arrivere di fronte al bellissimo e imponente Pan di Zucchero.

La scala verso la Laveria Lamarmora

Il Pan di Zucchero è un faraglione di roccia alto fino a 25 metri sul livello del mare, è un vero monumento naturale modelatto nei millenni dalla forza impetuosa del mare della Sardegna. Come dicevamo, ammirare il tramonto da questa prospettiva è qualcosa di davvero spettacolare e suggestivo. Nei pressi del Pan di Zucchero vi è una bella spiaggia di sabbia bianca e la miniera oggi abbandonata di Porto Flavia che permette visite culturali di grande interesse alla scoperta di come si estraevano i minerali dal sottosuolo di questa zona di Sardegna tanto bella e particolare. Nella vicina Iglesias potrete alloggiare in uno dei nostri agriturismi che offrono ospitalità e ristorazione a km zero con le ricette tipiche della Sardegna.

Buone vacanze nel Sulcis Iglesiente!

Esterno di mattoni del Castello di Rivoli

Oggi vi portiamo a conoscere una delle residenze Sabaude più belle e importanti di Torino: il Castello di Rivoli.
Il primo nucleo risale addirittura all’XI secolo, dal 1984 ospita il Museo d’Arte Contemporanea del Castello di Rivoli; uno dei più grandi e importanti d’Italia.

Panorama di Torino dal Castello di Rivoli

Il Castello di Rivoli è un vero e proprio viaggio nell’arte e nella cultura, una visita che vi farà conoscere il passato e il presente di questa parte così importante del nostro paese. All’interno del museo una bellissima zona caffè, un negozio che vende libri e oggettistica d’arte e la possibilità di ammirare uno dei più bei panorami su Torino e le montagne circostanti.

Interno del museo di Arte Contemporanea

Per informazioni potete consultare il sito internet ufficiale: www.castellodirivoli.org

I ravioli fatti in casa sono una delle icone della cucina italiana, da sempre le mamme e le nonne si cimentano (soprattutto la domenica mattina) con questa ricetta deliziosa. In realtà fare dei buoni ravioli è molto semplice e ancora veloce, può essere un modo divertente per giocare con i bimbi o con il proprio partner.

Ovviamente, come per tutte le ricette, la qualità degli ingredienti è fondamentale per avere un risultato di qualità.

Partiamo dagli ingredienti per preparare l’impasto da cui andremo a ricavare i ravioli:

1kg di farina 00
9 uova intere

Ecco gli ingredienti per preparare i ripieno di ricotta:

2 uova e mezzo
800g di ricotta
400g spinaci
80g parmigiano reggiano grattuggiato
Una spolverata di noce moscata
Sale da cucina q.b.

Preparazione:
Cominciamo con il cucinare gli spinaci facendoli lessare, una volta scolati gli spinaci, mescoliamo per qualche minuto le uova con una spolverata di noce moscata e un pizzico di sale. Aggiungiamo la ricotta e amalgamiamo il tutto aggiungendo Parmigiano Reggiano.
Una volta strizzati per bene gli spinaci andiamo a tagliarli a pezzetti con un coltello adatto, aggiungiamo il tutto all’impasto creando un composto omogeneo. Lasciamo riposare il tutto in frigo.
Dedichiamoci alla pasta sfoglia: prendiamo uova e farina e impastiamo la pasta sfoglia fino ad ottenere un composto granuloso e denso. Trasferiamo l’impasto su di un tagliere e lavoriamo il tutto a mani nude fino ad ottenere un panetto liscio che va lasciato riposare per almeno mezz’ora.
Successivamente lavoriamo il panetto con il mattarello con pazienza e senza fretta fino a raggiungere una sfoglia di uno spessore di circa 2/3 millimetri, deve essere del giusto spessore per non rompersi in fase di cottura.
Per fare i ravioli potete usare un apposito stampo, oppure, potete usare un bicchiere per creare la base su cui creare il raviolo: basta mettere il disco di pasta, aggiungere una noce di ricotta per poi chiuderlo.

Ora i nostri ravioli sono pronti per la cottura; conditeli con un burro e parmiggiano… e buon appetito!

il paesaggio nel Tibet d’Abruzzo

Vi portiamo a conoscere Campo Imperatore, una delle vette d’Abruzzo che offre dai paesaggi incredibili e spettacolari che viene spesso paragonata ad uno dei luoghi più belli e remoti del pianeta; Tibet. Si tratta di una vetta posta a 1800 metri di altitudine e fa parte del Gran Sasso sull’Appennino Abruzzese.

Campo Imperatore è meta di turisti da tutto il mondo, in inverno ci sono oltre 20 km di biste battute per praticare lo sci e tutti gli sport legati alla neve, durante i mesi estivi invece è meta di escursionisti che seguono i numerosi sentieri che regalano grandi emozioni con paesaggi mozzafiato, frequentati da una fauna selvatica molto variegata.

Con un po’ di fortuna e con l’attrezzatura giusta, sarà possibile ammirare camosci, l’orso bruno, cervi, caprioli e il mitico lupo. Ovviamente bisogna essere preparati fisicamente e affidarsi a guide esperte della zona.

Campo imperatore e il suo paesaggio

A Campo Imperatore troverete uno dei più importanti osservatori astronomici nazionali ed possibile visitare un ricco e curato orto botanico.

Vi consigliamo uno dei nostri splendidi agriturismi in Abruzzo per scoprire Campo Imperatore vivendo nel verde e gustando i prodotti tipici di questa magnifica zona d’Italia.

La magnifica Toscana

Il Chianti è uno dei territori più belli e suggestivi della Toscana, zona di colline, vigneti, borghi e paesaggi mozzafiato. Nel Chianti ci sono tanti agriturismi di qualità che offrono accoglienza (alcuni hanno la piscina a sfioro e il centro benessere) e ristoranti a km zero dove degustare i meravigliosi prodotti di questa parte di Italia.

Un paesaggio tutto da godere, la grande accoglienza delle persone che abitano la zona, per arrivarci di può partaire da Firenze e percorrere in automobile la  strada statale 222. Sarà un piacere guidare nelle dolci colline del Chianti avvolti da un paesaggio che cambia quasi ad ogni curva.

Paesaggio di vigneti nel Chianti

Su Agriturismi.it potete trovare la nostra selezione di offerte in agriturismo; sono proposte inserite direttamente dai gestori delle struttura per darvi un ottimo rapporto qualità/prezzo e permettervi di provare esperienze autentiche e originali. Buona estate 2021 alla scoperta del Chianti.

Latte crudo, caglio, sale: il Parmigiano Reggiano è fatto solo con questi tre, semplici, ingredienti, eppure è un formaggio unico. Ma cos’è che lo rende così speciale da essere addirittura definito il “re” dei formaggi? I suoi pregi sono tanti: dalla caratteristiche di produzione a quelle organolettiche a quelle nutrizionali. Scopriamo allora tutto quello che c’è da conoscere su questo prodotto.
Un formaggio Dop

La prima cosa da sapere è che il Parmigiano Reggiano è un formaggio Dop: questo vuol dire che deve essere prodotto secondo un rigido disciplinare strettamente legato alla sua zona di origine. È tra le province di Parma, Reggio Emilia, Modena, Mantova alla destra del fiume Po e Bologna alla sinistra del fiume Reno, che devono quindi obbligatoriamente avvenire tutte le fasi della produzione: la mungitura del latte, la trasformazione in formaggio, la stagionatura e il confezionamento. A vigilare sul rispetto delle regole c’è il Consorzio del Parmigiano Reggiano Dop: “Rappresentiamo la più importante Dop italiana – ha dichiarato il neo presidente del Consorzio Nicola Bertinelli – per questo motivo come istituzione abbiamo il compito di fungere da guida e tracciare la strada per il futuro. Dobbiamo porre l’accento innanzitutto sulle particolarità del procedimento produttivo e sulla naturalità delle materia prime. Ma dobbiamo anche educare il consumatore, spiegandogli quali sono le qualità organolettiche del Parmigiano Reggiano che variano a seconda della stagionatura e della varietà delle forme”.
Il segreto? Nei fieni e nel latte delle mucche

Ciò che rende la produzione del Parmigiano Reggiano Dop irripetibile in altre parti del mondo è, in particolare, il fatto che le mucche si nutrono in gran parte di foraggi e fieni del territorio caratterizzati dalla presenza di speciali organismi microbici che vengono trasferiti nel latte.
Inoltre, per fare il Parmigiano Reggiano non si usano conservanti e additivi: durante il processo produttivo non ci sono interventi esterni che modificano l’attività dei batteri che naturalmente si trovano nel latte crudo prodotto dalle aziende agricole della zona di origine.
Una curiosità: sapete quanto latte viene utilizzato per realizzare una tradizionale forma di Parmigiano da 40 kg? Ben 600 litri!
Controllo e stagionatura

La stagionatura minima del Parmigiano Reggiano è di 12 mesi. Quando raggiunge questa età, il formaggio è sottoposto al rigido controllo degli esperti del Consorzio (li avrete visti in qualche immagine con camice bianco e martelletto!). Se la forma possiede tutte le caratteristiche strutturali e sensoriali necessarie, allora potrà forgiarsi del marchio Dop. A questo punto il Parmigiano potrà essere messo sul mercato o continuare la stagionatura fino a 18 mesi (lo riconoscerete dal bollino color aragosta), oltre 22 mesi (bollino argento), oppure oltre 30 mesi (bollino oro). Il primo ha sentori di latte e frutta fresca, il secondo è più friabile e granuloso e presenta un buon equilibrio tra dolce e saporito, l’ultimo è il più ricco di elementi nutritivi e il suo sapore è deciso con note di spezie e frutta secca.
Proprietà nutrizionali del Parmigiano Reggiano

In 100 g di Parmigiano sono contenuti 30,80 g di acqua, 33 g di proteine, 28,40 g di grassi, 1,39 g di sale, per un valore energetico di 392 kcal. E’ un alimento digeribile, adatto anche ai bambini e agli anziani, e indicato particolarmente a chi fa sport per il suo alto contenuto di calcio di qualità. Questo formaggio è ricco poi di numerosi altri sali minerali, come fosforo e potassio, e di aminoacidi essenziali.

  • Tags:

Peschici e le sue case colorate

Vi portiamo alla scoperta del meraviglioso borgo di Peschici, uno dei borghi più belli del Gargano che si affaccia direttamente sul mare in posizione privilegiata. La costa intorno a Peschici è caratterizzata dalla presenza dei Trabucchi, delle vere macchine da pesca costruite in modo maestrale con legno e corde e consentono da secoli la pesca del pesce che viene poi cucinato nei ristoranti e nei locali della zona.

Il borgo di Peschici è sempre stato fortificato per fronteggiare le incursioni dal mare, e ancora oggi sono visibili le torri e le feritoie che hanno protetto la città per così tanto tempo. La torre più famosa è quella di Monte Pucci, oggi visitabile che regala un panorama splendido. Peschici è anche famosa per il suo mare e le sue spiagge di sabbia fine, gli stabilimenti balneari sono attrezzati per le famiglie e per chi vuole fare sport come il surf e il kitesurf.

Il centro storico è un susseguirsi di vicoli e piazzette, palazzi antichi e scorci sul mare, tra i luoghi da vedere ricordiamo la chiesetta di San Michele, la chiesa di Santa Maria e quella di Sant’Elia. Da vedere è certamente il castello di origine bizantina, una costruzione imponente che domina da secoli Peschici e il suo territorio ed è oggi un museo e si può facilmente visitare.

Da Peschici si possono raggiungere velocemente le belle Isole Tremiti che fanno parte della Riserva Naturale Marina Isole Tremiti.

Se state cercando un agriturismo vicino a Peschici vi consigliamo la nostra selezione di strutture che offrono un ottimo rapporto qualità prezzo.

Veduta aerea di Barbolino

Vi portiamo a conoscere una dei paesi più belli e caratteristici affaciati sul Lago di Garda: Bardolino. Si trova a circa 30 km da Verona sulla riva Est del Lago, confina a nord con il comune Garda e a sud con Lazise (altre due mete davvero molto belle!). Il borgo si trova in una pianura ai piedi di caratteristiche colline coltivate a ulivi e vigneti, è una terra di produzioni di eccellenza; si pensi all’olio di oliva del Garda o a vini come il rosso di Bardolino o del Rosé Chiaretto.

Bardolino vi stupirà per il suo elegante e curato centro storico, vicoli, piazzette, scorci sul lago, negozi di qualità e l’immancabile passeggiata sul lungo lago con i ristoranti tipici, le gelaterie e le panchine dove riposarsi. Da segnalare la chiesa romanica di San Severo, il Museo dell’Olio d’Oliva e l’antica chiesa di Santa Maria.

Il Lungo Lago di Bardolino

Bardolino è un luogo ideale per gli amanti dell’eleganza e del relax, perfetto per la famiglia, ma anche per chi vuole fare sport e sfruttare le tante opportunità che il Lago di Garda offre. Vi consigliamo la nostra lista di Agriturismi vicino a Bardolino per alloggiare nel verde e nel relax gustando i prodotti tipici della zona del Garda.